FONDAZIONE SAN ZENO

Attiva dal 1999, Fondazione San Zeno eroga contributi a enti e associazioni che intraprendono progetti di sviluppo volti alla scolarizzazione, alla formazione professionale, alla nascita di iniziative ed attività economiche in Europa, Asia, Africa e America del Sud.

AREE DI INTERVENTO

Vengono sostenuti progetti e iniziative nell'ambito dell’educazione e del lavoro, con l’intento di stimolare percorsi trasversali di autonomia per il rafforzamento del singolo individuo e dell’intera comunità.

Come propulsore dello sviluppo sociale, Fondazione San Zeno si pone in ascolto del territorio e risponde a richieste di supporto a percorsi e iniziative che, pur non rientrando negli ambiti prioritari, contribuiscono a rispondere a bisogni concreti.

Inoltre, la Fondazione promuove attività ed eventi per approfondire tematiche sociali e di attualità legate all’intercultura, alla discriminazione e ai diritti umani.
Per fare questo, vengono sostenute iniziative in rete con una pluralità di attori, promuovendo forme di collaborazione e di sinergia in grado di ascoltare e rispondere ai bisogni del territorio.

Educazione

I percorsi sostenuti dalla Fondazione in ambito educativo ricoprono diverse attività, relative allo studio e alla formazione scolastica.


Lavoro

Percorsi di sostegno all’occupazione, volti a fornire competenze tecniche, organizzative, umane e relazionali per inserirsi nel mercato del lavoro.


Identità e Valori

Sostenere lo sviluppo attraverso lo studio, la formazione e il lavoro

«L’educazione è l’arma più potente
che si possa usare per cambiare il mondo»

N. Mandela

Alla base delle attività, vi è la capacità di ascolto delle idee avanzate da chi è presente sul territorio, per offrire un supporto adeguato e coerente a queste realtà. L’esperienza delle associazioni, che da anni lavorano nei contesti in cui vengono realizzati i progetti, diventa il motore principale del miglioramento. Uno sviluppo efficace e concreto dei progetti attivati parte da una profonda conoscenza dei problemi presi in esame e dell’ambiente in cui si interviene.

  • primum non nocere

    «Per prima cosa non nuocere». Agire con cautela e responsabilità, consci del ruolo di finanziatore partecipe e attento ai percorsi di sviluppo senza trascurare gli effetti che il nostro aiuto produce nei beneficiari.

  • conoscenza

    Conoscere il contesto di sviluppo attraverso la lettura degli aspetti antropologici, culturali, sociali, politici. Conoscere gli enti proponenti e gli attori implicati nei processi di sviluppo.

  • partecipazione

    Condividere, comprendere e partecipare ai processi di sviluppo dei singoli progetti valorizzando le buone pratiche, interpretando, in un’ottica di miglioramento, limiti e problematicità.

  • promozione dell'autonomia

    Privilegiare iniziative che sappiano promuovere autonomia, crescita culturale e formativa.

Ultimi articoli

Temi di attualità e notizie dai progetti